SOMALIA: ANOTHER COUNTRY ON THE EDGE

by Cristiana Era

 

October 28 was the last of several bloody days that have been racked Somalia in 2017, following a much deadlier terrorist attack just two weeks earlier that caused the death of more than 350 people. It is the comeback of al-Shabaab (“Youth”, in Arabic), the al-Qaeda-affiliated terrorist network which seemed to be retreating with heavy losses in 2012-2013. But the lack of steadfast efforts by the International Community, maybe too much absorbed by the Islamic State and by the Libyan case, has reversed the situation in the Horn of Africa.

 

The presence of AMISOM, the African Union Mission peacekeeping forces in Somalia has contained the threat for some time, but Kenya, which provides the bulk of the peacekeepers, has suffered a major setback last year, after the  terrorist group attacked the military camp of El Adde, killing more than a hundred and fifty Kenyan soldiers. Furthermore, the country is currently undergoing an internal crisis due to the much contested Presidential election which, after the Supreme Court cancelled the August 8 one upon alleged irregularities, saw the re-election of Uhuru Kenyatta with slightly more than 7 thousand votes on October 26. But even this time, many are predicting a new legal action by the opposition and increased internal turmoil. In all this, Kenyan public opinion is not in favor of a renewed commitment of its troops in Somalia.

 

Indeed, the Kenyan death toll in the fight against al-Shabaab is significant and on the rise. Kenya, like Uganda, has been targeted by the Islamic group for years because of its participation to AMISOM. And each time, the country has suffered losses in the number of tens. In 2013 militants from al-Shabaab targeted Kenya’s Westgate Mall, which, after a four day siege, caused at least 68 dead. In 2014 its militants attacked the Kenyan towns of Mpeketoni, Poromoko and Koromei, killing more than eighty people. In 2015, another attack to Kenya’s Garissa University College caused the death of 147 people, followed, as already mentioned, by the massacre of El Adde in January 2016. Thus, unless a major change occurs both internally and in Somalia, President Kenyatta will likely abide by the 2018 date set for the AMISOM’s withdrawal, with a devastating impact on the already precarious security situation.

 

The resumption of extensive terrorist activity by al-Shabaab in the Somali capital is actually not a matter of recent months. After a partial withdrawal in 2011 from several cities, the movement – which aims at ousting the Government, establish the Shari’a rule and support the jihadi cause – has regained momentum by resorting to suicide bombings, IEDs (Improvised Explosive Devises) and assassination of political leaders. It still maintains control of rural areas in central and south Somalia and it is attempting to expand its presence in the north.

 

Besides military attacks, though, in an attempt to combine different strategies and undermine the Somali Federal Government’s credibility and legitimacy, the Islamic group is also seeking to build popular support by providing humanitarian assistance to rural population suffering from famine and draught, which are said to affect almost 6 million Somalis. To this respect, the attack of October 28 in Mogadishu might not produce the desired outcome, and that might be the reason why responsibility has not been officially claimed. Some observers speculate that the attack was planned in order to hit Somali institutions but something went wrong along the way and the explosion that killed three hundred people occurred earlier than scheduled. Indeed, so far al-Shabaab has targeted mainly foreign entities and individuals and Somali politicians.

 

However, it will take more than this to erode the growing influence of the group. First of all, militants Islamists can count on the inability of AMISOM and national forces to effectively fight terrorism. Widespread corruption and low loyalty to the nation’s values are troubling features for a Somali army that is a patchwork of former warlords’ militias, while the extension of the peacekeeping mission of the African Union is in doubt. Secondly, the February Presidential election, won by Mohamed Abdullahi Mohamed, was hailed as a sign that the country was gradually reaching stability and moving towards democracy. But since before the election took place, militant Islamists’ strikes have grown in number and intensity and the new President appears as weak as his predecessor.  Thirdly, the weakness of Somali institutions is deepened by endemic corruption fostered by personal interests, nepotism and absence of real governance in many parts of the country, where al-Shabaab is better competing for popular recognition. Last, but not least: Somalia is one of the routes connecting the Middle East to Africa; a perfect gateway for illicit traffic, of goods or people (particularly jihadists from other countries), which will increase the power of the Islamic group, both financially and militarily. Its connections to the al-Qaeda network (including AQAP in Yemen and ISIS in Egypt, Lybia, and Sudan) are renowned, and it is likely to increase its importance in the jihadist universe now that the Islamic Caliphate (but not ISIS meant as an inspiring movement) has collapsed in Iraq. As a matter of fact, many ISIS militants might find a safe-haven there, contributing to the enlargement of al-Shabaab forces and to their training.

 

Any foreign intervention aiming at fighting al-Shabaab besides an African-led coalition seems unlikely. Western powers did not want to do that in Syria, where the situation deteriorated into a bloody war, therefore it is improbable that they might do that in Somalia. The U.S. air strikes from its base in Djibouti against terrorists strongholds can provide, at times, only temporary tactical advantages. But without a serious international community presence there in support of the institutions, Somalia is likely to become one of the best candidates for the next caliphate.

L’ITALIA E LO STRUMENTO MILITARE NECESSARIO

di Ferdinando Sanfelice di Monteforte

 

Il mondo in cui viviamo è sempre più preda di tensioni e conflitti che mettono in pericolo la pace e la prosperità dei cosiddetti “Paesi sviluppati”. Essi infatti dipendono appunto dalla stabilità mondiale per mantenere la loro situazione di benessere, grazie al commercio internazionale. In questo, l’Italia non è un’eccezione, anzi. La sua carenza di risorse naturali l’ha indotta a diventare un Paese manifatturiero, di trasformazione, per cui l’esportazione dei prodotti del nostro ingegno è un pilastro essenziale del nostro pur relativo benessere.

 

La posizione geografica dell’Italia, oltretutto, è quanto mai scomoda: siamo al tempo stesso un ponte che si protende verso l’Africa, ma siamo anche il collegamento tra la Francia e l’Europa centrale, nonché tra quest’ultima e il Mediterraneo, nel quale alla lotta che sconvolge la galassia islamica nel Medio Oriente si aggiungono i contenziosi marittimi sulle zone economiche esclusive.

 

Come se non bastasse, la storia ci ha tramandato tensioni, rivalità e rancori tra i Paesi europei, che riaffiorano periodicamente. Il revanscismo russo, le dispute greco-turche e l’attuale lotta all’ultimo sangue nel Medio Oriente sono infatti alcune tra le molte dispute che traggono origine dal passato, e sono gravi minacce da prevenire, e quando ciò si riveli impossibile, da contenere e delimitare.

 

Il Mediterraneo è, peraltro, anche una delle principali vie del commercio marittimo internazionale, un’attività che segue da sempre le vie più brevi e vantaggiose, specie quelle in cui i pericoli sono minori. La sua stabilità è quindi per noi la condizione indispensabile della nostra prosperità. Purtroppo, chiuso com’è tra lo Stretto di Gibilterra e la sua doppia porta orientale, Suez e Bab-el-Mandeb, il bacino in cui siamo collocati è dominato solo da chi possegga le chiavi di questi suoi accessi e intenda usarle per il bene comune. Gli altri possono controllare ciò che avviene al suo interno, ma se una delle due porte viene chiuse, il Mediterraneo diventa un mare di povertà diffusa.

 

 In particolare per quanto riguarda l’Italia, la nostra dimensione – come osservava Salvemini – è quella di potenza più piccola tra i grandi e la più grande tra i piccoli, e la nostra dimensione limitata ci rende difficile agire da soli. Per questo, da anni, ci siamo legati agli altri Paesi occidentali: per poter influire sugli eventi in modo collettivo.

 

Ma vi è un altro motivo per la nostra adesione alla NATO e all’Unione Europea: spesso, per il fatto di dover assumere comportamenti coerenti con quelli dei nostri partner abbiamo potuto temperare le conseguenze delle nostre debolezze interne, compiendo scelte impopolari anche se virtuose. Rimane però, non curabile, il difetto della nostra limitata coesione interna, facilmente sfruttabile da altri. “Francia o Spagna, purché se magna”, dice un vecchio detto popolare, segno della nostra secolare soggezione alle Potenze del momento e alla nostra attenzione nei confronti del vincitore.

 

Da tutto ciò discende la necessità, per le nostre Forze Armate, di svolgere un doppio ruolo. Esse, infatti, non sono esclusivamente dedite a contrastare minacce e rischi sul piano internazionale, mediante forze ad alta capacità combattiva, ma hanno anche responsabilità di rilievo in quanto presidio delle Istituzioni. Fin dall’inizio della nostra storia unitaria, esse hanno dovuto sostenere le Forze dell’Ordine, spesso in affanno, a fronte delle gravi minacce di tipo endogeno che si manifestano da sempre sul nostro territorio; a queste, negli ultimi tempi si sono aggiunte minacce di tipo esogeno, quale il terrorismo. Questo richiede forze relativamente a bassa densità di armamento, ma numerose.

 

Lo stesso tipo di forze serve, in realtà, anche per parare tutti i problemi causati, negli spazi di interesse del nostro Paese, da chi persegue strategie indirette contro di noi per condizionarci o per danneggiarci: lo sfruttamento delle migrazioni, la pirateria, lo stesso terrorismo, per non parlare dei flussi della droga, sono fenomeni che, talora, hanno sponsor, statuali o meno, che vogliono imporci la loro volontà.

 

Non ci si può, quindi, illudere di fare quello che altri Paesi europei hanno fatto, focalizzando le Forze Armate sulle azioni esterne e quindi lasciando alle Forze dell’Ordine il compito esclusivo di controllare la situazione nei nostri spazi sovrani. La gravità dei nostri problemi interni è tale che questo tipo di approccio risulterebbe perdente.

 

È ben vero che, sul piano esterno, la sempre più violenta conflittualità tra nazioni e tra attori non statuali, che aspirano a conquistare uno spazio di potere, impone un ripensamento dell’entità di forze di “prima linea” che devono essere dotate di capacità dissuasive tali da imporre il rispetto nei nostri confronti. In effetti, noi offriamo numerosi e facili bersagli potenziali, avendo numerose comunità e iniziative imprenditoriali all’estero, la cui protezione sta diventando sempre più necessaria. Anche la partecipazione alle operazioni multinazionali richiede mezzi avanzati e potenza di fuoco notevole, se non altro per garantirci una maggiore influenza sulle decisioni collettive.

 

Da tutti questi problemi emergono esigenze decisamente elevate, superiori a quanto possiamo permetterci finanziariamente, per lo strumento militare. Se infatti volessimo disporre di forze numericamente adeguate, tutte di capacità elevata, il nostro “Stato sociale” ne verrebbe pesantemente intaccato, e oltretutto ci troveremmo, spesso, a usare mezzi estremamente costosi e sofisticati per compiti importanti, ma in ambienti di minaccia limitata.

 

Quindi non vi è alternativa per il nostro Paese alla costituzione di un modello di Difesa misto, con un nucleo, relativamente contenuto, di forze ad alta capacità e il resto dotato di armamenti meno sofisticati, ma in  numero relativamente più elevato. Va ricordato che questi due tipi di forze sono anche interdipendenti: anche se non tutte le missioni richiedono elevata potenza di fuoco, in molte di queste le situazioni degenerano, per cui le forze impiegate devono essere sempre più sostenute da forze potenti, pronte a intervenire in caso di complicazioni. Questo è il cosiddetto  “High-Low Mix”, un modello difficile da accettare ma necessario, da perseguire con pazienza e con determinazione.

 

Ferdinando Sanfelice di Monteforte è Ammiraglio di Squadra. Già Rappresentante Militare Italiano alla NATO ed alla EU dal 2005 al 2008. Insegna “Studi Strategici” al SID di Gorizia e presiede il “think tank” Mediterranean Insecurity. È autore di vari libri, saggi per pubblicazioni e periodici nazionali ed esteri.

LE SFIDE DEL CIMIC AI TEMPI DELL’HYBRID WARFARE

di Fabrizio Zacchè

 

Negli ultimi decenni, in linea con l’evoluzione degli scenari di impiego, alle funzioni operative classiche (Comando e Controllo, Intelligence, Fuoco, Movimento, ecc.) si è aggiunta anche la Cooperazione Civile-Militare, più comunemente nota con l’acronimo inglese CIMIC.

 

Contestualmente anche le dottrine nazionali e quella NATO sono state adeguatamente rivisitate, ponendo al centro di tutto la dimensione civile, intesa come “cuore” delle operazioni militari. Infatti, oggi non si può pianificare e condurre operazioni militari senza tenere ben presente i tre punti focali: governo locale, forze di sicurezza e popolazione.

Perciò sono state sviluppate capacità CIMIC a livello staff per facilitare il Comprehensive Approach e per aiutare la forza militare a conseguire l’end state desiderato attraverso adeguati meccanismi volti a coordinare, sincronizzare e deconflittuare le attività militari con quelle degli attori civili (Fig.1). Al tempo stesso sono stati creati assetti CIMIC (a partire dal livello squadra) in grado di tradurre in pratica i principi fondanti del CIMIC: liaison, support to the Force e support to civil actors and the environment.

 

In linea generale il CIMIC può essere applicabile a tutti i contesti operativi, anche a quelli ad alta intensità. Lo stesso dicasi in tempo di pace, quando i suoi campi di impiego sono sfruttati nell’ambito delle attività di cooperazione multinazionale ed assistenza militare a supporto di Paesi partner (come avviene oggi nell’ambito della missione NATO Training and Capacity Building in Iraq).

 

Ma il contesto e il profilo del CIMIC sono direttamente proporzionati alla natura della crisi e al tipo di scenario. Al riguardo, è utile osservare che le Primavere Arabe, la crisi Siriana e quella Ucraina hanno posto ulteriori sfide non solo per la Comunità Internazionale, ma anche per il CIMIC. Se in passato si associava il CIMIC principalmente alla fase post-conflittuale e più precisamente a quella di Stability & Reconstruction, oggi bisogna abbandonare questo cliché. L’imprevedibilità e i rischi connessi alle nuove dimensioni dell’hybrid warfare (guerra ibrida) richiedono un impegno sempre maggiore, anche da parte delle capacità CIMIC.

 

Coniugando operazioni convenzionali e speciali a bassa intensità con azioni congiunte e integrate nelle dimensioni cyber, space e psychological, attori statali e non statali hanno la possibilità di influenzare le masse, per mettere in pratica la propria agenda. In tale prospettiva, a integrazione della varietà di attori che vi operano e le motivazioni che li animano, occorre considerare altri due elementi: la complessità dell’ambiente operativo e lo sforzo congiunto di assetti joint, combined, interagenzia e interministeriale.

 

Elementi che vanno contestualizzati alla specifica realtà (come potrebbe essere il caso libico, iracheno o siriano), dove non è possibile limitarsi alle evidenze superficiali. Al contrario è necessario approfondire i substrati storico-culturali del Paese, come quello politico, militare, economico, sociale, etnico, commerciale, sanitario, informativo. La comprensione delle dinamiche generali diventa, inevitabilmente, la premessa indispensabile per integrarsi, adeguarsi e soprattutto per conoscere bene i punti di forza e debolezza propri e quelli dei vari attori.

 

È possibile migliorare la comprensione in un contesto di hybrid warfare? Qui entra in gioco il CIMIC. In questi casi è fondamentale l’attività di liaison con le autorità locali, la popolazione e gli altri attori che possono avere una rilevanza nel sistema di riferimento. La coordinazione e la cooperazione non solo permettono di evitare duplicazioni, ma anche di assicurare un costante flusso informativo, funzionale per affrontare in modo sinergico le diverse sfide.

 

Inoltre le attività pratiche sul terreno (come ad esempio la ricognizione di villaggi) permettono di apprezzare le condizioni di vita e la situazione umanitaria. Attraverso una consolidata esperienza analitica corroborata dall’interazione con gli attori umanitari, gli operatori CIMIC possono valutare i rischi connessi alla sicurezza (come gli eventuali “aspetti di debolezza” utilizzabili da organizzazioni terroristiche o reti criminali).

 

Come è facile immaginare, gli scenari di hybrid warfare non hanno confini geografici. Dunque anche un Paese della NATO potrebbe essere oggetto di queste dinamiche ovvero fronteggiarne le sue conseguenze. Una situazione che, se non adeguatamente gestita a tutti i livelli (a partire da quello tattico), potrebbe inesorabilmente degenerare. Anche in questo caso il ruolo del CIMIC non muta, anzi è addirittura decisivo. Infatti, fornendo gli elementi di analisi al resto dello staff il CIMIC contribuisce a sviluppare il frame di riferimento per comprendere bene la natura del problema.

 

Al riguardo è di grande utilità lo sviluppo di uno schema logico in cui imbrigliare gli attori principali (di primo, secondo e terzo livello), le loro azioni e gli effetti che producono nel sistema di riferimento (Fig.2). Il cuore è rappresentato dal livello di insicurezza che viene alimentato volontariamente o indirettamente dalla reiterazione di azioni e reazioni da parte dei diversi attori. In una prospettiva di breve-medio periodo questa pericolosa spirale può condurre all’instabilità sistemica locale/regionale. Per evitare questa deriva e garantire sicurezza e stabilità, attraverso questo schema concettuale è possibile pianificare e condurre azioni nei vari domini: politico-diplomatico, militare, economico e sociale.

 

In conclusione, nonostante l’evoluzione degli scenari operativi, il CIMIC si conferma una capacità moderna, affascinante e altamente versatile. In scenari cosiddetti ibridi, dove prevalgono ampi coni d’ombra, il CIMIC è una capacità decisiva che va continuamente valorizzata per affrontare le sfide del presente e prepararsi a quelle future. Inoltre, nella prospettiva NATO, il CIMIC può giocare un ruolo straordinario per prevenire le instabilità e contribuire a proiettare sicurezza.

 

Già Comandante del CIMIC Center al PRT (Provincial Reconstruction Team) e poi J9 Chief al Comando Regionale(RC-West) a guida italiana ad Herat, Fabrizio Zacchè è attualmente Capo Ufficio CMI-CIMIC – Divisione J9 al NATO Joint Force Command di Napoli.

SCENARI ASIMMETRICI, ARMI DI DISTRUZIONE DI MASSA ED INTELLIGENCE

di Roberto Mugavero 

 

Il rischio dell’uso di armamento non convenzionale CBRN, ovvero di agenti chimici, biologici e radiologici o di ordigni atomici, ha visto nel corso dell’ultimo decennio, anche alla luce dell’attuale situazione geopolitica internazionale, del trend crescente del terrorismo e della proliferazione delle Armi di Distruzione di Massa (WMD), una tendenza evolutiva che, dalla fine della guerra fredda, nessuno avrebbe mai potuto prevedere né immaginare.

 

Quello che un tempo era un armamento d’elezione e temibilissimo, ma con uso ristretto all’ambito di possibili azioni militari e volto all’acquisizione di vantaggi strategici o tattici, oggi si rivela invece uno strumento di confronto, scontro, pressione e minaccia che interessa la geopolitica a livello mondiale, con effetti potenzialmente destabilizzanti e sviluppi difficilmente prevedibili.

 

Paradossalmente nel recente passato, ed in particolare nel mondo bipolare creato da USA e URSS dopo la Seconda Guerra Mondiale, il periodo di pace di cinquant’anni vissuto durante il “confronto simmetrico” Est-Ovest è stato determinato proprio dalle capacità nucleari dei due blocchi. Tali capacità, con la loro presenza, hanno prevenuto conflitti bellici su scala regionale, così come su larga scala, all’interno delle zone di influenza più o meno uniformemente ed ugualmente suddivise tra Mosca e Washington e presenti in Europa, Asia e Centro America.

 

Alla luce di quanto sopra, nulla poteva essere più errato del ritenere, nel 1991, la dissoluzione dell’Unione Sovietica come la fine del rischio di una guerra globale con uso di ordigni nucleari ed armamento non convenzionale.

 

Infatti, il vuoto politico venutosi a creare, ha reso necessaria un’azione volta al riempimento del potere sovietico venuto meno e che ha visto, per circa 20 anni, il rafforzamento della presenza occidentale in un certo numero di paesi, soprattutto del Medio Oriente, a valle della quale si è verificato un costante incremento nella complessità e multidimensionalità della minaccia asimmetrica e nel rischio di uso di armamento nucleare, radiologico, biologico e chimico. Minaccia e rischio che hanno visto estremizzare la propria portata con i grandi cambiamenti avvenuti nell’ultimo decennio sulla mappa geopolitica mondiale e a seguito dei quali vi è stata la creazione di nuovi e diversi poteri regionali in cui, spesso, il più grande ruolo in termini di forza ed influenza è giocato proprio dall’armamento non convenzionale specialmente di tipo atomico. 

 

 A tale proposito occorre notare come per molti Paesi – è caso dell’Iran e della Corea del Nord – lo sviluppo di capacità nucleari non viene perseguito come mero obiettivo volto alla difesa della nazione quanto quale strumento sia per guadagnare rispetto e considerazione a livello internazionale sia quale leva per conquistare un ruolo primario nei negoziati e nei colloqui politici a livello regionale e con le grandi potenze.

 

Occorre altresì rilevare poi come, il ricorso all’uso di armi CBRN, sia stato già ampiamente messo in pratica nell’ambito di conflitti locali ed azioni terroristiche (vedi il caso della Siria, dell’Afghanistan e dell’Iraq con disseminazione di agenti nervini e soffocanti) e come gli estremismi che sempre più si concretizzano nella proliferazione di articolati network terroristici (vedi il caso di Al-Qaeda ed ISIS) valutino con assiduo e crescente interesse le sostanze chimiche, biologiche e radiologiche, così come il possibile utilizzo di ordigni atomici e bombe sporche, quale utile strumento da impiegare contro infrastrutture, personale militare e popolazione civile per l’affermazione delle ragioni di cui tali gruppi si ritengono giusti portatori.

 

Per questo l’esigenza di essere preparati ad una efficace risposta contro tale nuova, emergente e sempre più concreta tipologia di minaccia ha assunto oggi caratteristiche di urgenza non più differibili determinando la necessità di avere disponibili specifiche capacità volte a poter monitorare, valutare ed identificare potenziali rischi e vulnerabilità e da poter utilizzare quale supporto alla strategia, alla pianificazione, ai processi decisionali, alla deterrenza e al miglioramento delle capacità operative.

 

In questo una particolare ed emergente branca dell’intelligence, la “CBRNe Intelligence” (posta a sua volta all’interno della cosiddetta S&TI o Scientific and Technical Intelligence) si dimostra sempre più essere un’utile strumento nel definire i possibili elementi ostili, le intenzioni, le finalità, gli obiettivi, le armi utilizzabili, le capacità organizzative e tecnico-logistiche possedute e le modalità operative per mezzo delle quali la minaccia può essere concretizzata.

 

Ciò attraverso l’osservazione dei mutamenti geopolitici, economici, sociali, religiosi e culturali, l’analisi di territori ed aree, la definizione di caratteristiche ed attività di stati, network, gruppi e singoli portatori di minaccia, lo studio di accadimenti e dinamiche connessi ai diversi aspetti scientifici e tecnologici dei settori CBRN e WMD (ari di distruzione di massa), così come con la determinazione della gamma di opportunità e delle motivazioni che possano favorire gli aggressori nell’adozione di comportamenti estremi e finalizzati a colpire un dato obiettivo.

 

La CBRNe Intelligence è attualmente un valido ed ineguagliabile strumento di ragionata e qualificata consapevolezza da porre a sistema nel più ampio quadro di previsione e contrasto dei nuovi rischi per la sicurezza globale.

 

Questo anche nell’ottica di una necessaria modernizzazione, da concretizzare assieme ad un’azione di rafforzamento ed ottimizzazione, degli strumenti di analisi e comprensione del fenomeno quale principale via da percorrere affinché l’intera comunità internazionale possa, attivamente e nel suo insieme, contribuire in modo sostanziale sia alla mitigazione di conseguenze frutto delle mutate esigenze di sicurezza e stabilità sia all’efficace sostegno della strategia nel contrasto della proliferazione delle armi di distruzione di massa.

CIFRATURA, CRITTOGRAFIA E SICUREZZA IN RETE

di Serena Lisi

 

Nel 2016 è stata annunciata l’introduzione della cosiddetta crittografia end-to-end per proteggere le comunicazioni degli utenti di note applicazioni quali Whatsapp. Il termine crittografia viene spesso utilizzato impropriamente per indicare la cifratura: ma la crittografia è in realtà una tipologia specifica di cifratura.

 

Fin dall’antichità la cifratura è stata uno dei principali mezzi utilizzati per proteggere le informazioni di carattere riservato e il mezzo fisico che le contiene e le trasporta. Si tratta di un codice, una scrittura segreta, comprensibile solo a coloro che ne conoscono la chiave di lettura. Con “scrittura segreta” non si intende un semplice linguaggio alfabetico, ma qualsiasi tipo di segno che trasmette un messaggio, o che rappresenta un linguaggio (anche non propriamente scritto, come ad esempio i soundbytes, cioè gli impulsi sonori).

 

Già a partire dall’epoca greca e romana, troviamo esempi di codici segreti, i più noti dei quali sono lo scitale lacedemone e il cifrario di Cesare. Lo scitale era un bastone attorno al quale veniva arrotolato un nastro, ove era scritto il messaggio da secretare. La sequenza corretta delle lettere appariva solo se il nastro veniva arrotolato intorno ad un bastone di un diametro specifico come concordato tra mittente e ricevente. Il cifrario di Cesare, invece, funzionava per sostituzione monoalfabetica: ogni lettera del messaggio originale veniva sostituita dalla lettera che la seguiva di due posti nell’alfabeto (ad esempio, la A diveniva C e la B diveniva D).

 

Esistono poi i cosiddetti “codici gergali” e la steganografia: i primi sono veri e propri linguaggi segreti, tornati oggi alla ribalta poiché spesso utilizzati dai terroristi di Al Quaeda e di IS-Daesh; la seconda riguarda messaggi nascosti, cioè coperti all’interno di altri messaggi o contenitori.

 

I principali idealtipi di cifratura rimangono legati ad una concezione classica della materia e possono essere così definiti:

crittografia propriamente detta, ossia cifratura a livello delle lettere o dei segni che compongono il messaggio: possono essere sostituiti, trasposti, scambiati;

steganografia, ossia scrittura “coperta”, occultata: può essere tecnica, realizzata mettendo un oggetto nascosto (stego object) in un un contenitore (cover object), reale o virtuale dentro cui si nasconde il messaggio); oppure linguistica, realizzata tramite particolari codici gergali come un segnale (cue) oppure un cifrario nascosto, creato grazie a griglie o spazi vuoti (blanks, fisici o bit di un computer).

 

Si possono dunque individuare le seguenti tipologie di cifratura:

tecniche derivate da cifratura classica, cioè algoritmi, funzioni matematiche che sostituiscono o traspongono le lettere, le singole cifre del messaggio. I cifrari possono essere monoalfabetici o polialfabetici, a chiave singola o doppia chiave (come nel caso della crittografia end-to-end, che ha una chiave pubblica ed una privata). Nomi noti sono DES, Triple DES, AES e Blowfish. In questa tipologia, il tipo di cifrario considerato più sicuro è il cosiddetto one-time pad, che ha una chiave lunga, generata pseudo-casualmente, lunga quanto l’intero messaggio e che deriva dal cifrario di Vernam creato durante la Prima Guerra Mondiale;

– steganografia complessa: i messaggi vengono nascosti in immagini, come accade nei cosiddetti microdots e nelle cuspidi delle lettere dell’alfabeto arabo, oppure all’interno di file sonori o nella filigrana di finte immagini artistiche o ludiche;

codici gergali veri e propri: si creano linguaggi con parole allusive, legate ad una determinata cultura o contesto sociale e comprensibile a pochi. Questi linguaggi, molto usati fino alla Seconda Guerra Mondiale, sono tornati alla ribalta all’indomani dell’11 settembre 2001, quando vari componenti delle cellule di Al Quaeda cominciarono ad utilizzare un proprio linguaggio per definire amici, nemici ed azioni strategiche.

 

In epoca recente si è parlato di crittografia quantistica basata, appunto, sulla teoria dei quanti, cioè sulla gestione di veri e propri “pacchetti di energia” che fanno viaggiare segnali di qualsivoglia genere alla velocità della luce. Ha conosciuto un notevole sviluppo, ma è poco utilizzata a causa dei costi elevati.

 

Le tecniche descritte vengono considerate abbastanza complesse e affidabili per garantire alti livelli di sicurezza. Occorre fare pèrò una duplice precisazione. In primo luogo queste tecniche devono essere padroneggiate con perizia e deve essere protetto ogni accesso al messaggio, al canale di comunicazione ed al luogo, fisico o virtuale, dove esso viene custodito.

Secondariamente, un messaggio può essere protetto in maniera efficace e inviolabile, ma può comunque essere carpito al mittente o al ricevente grazie all’uso delle cosiddette tecniche rubber hose, che interagiscono con gli operatori umani deputati al trattamento del dato da proteggere. Si tratta di tecniche di suasione, violenta e non, atte ad ottenere informazioni altrimenti protette o la chiave per accedervi. 

 

Esistono, dunque, due fondamentali tipologie di sicurezza: quella computazionale e quella incondizionata. Un codice è incondizionatamente sicuro quando è impossibile risalire alle informazioni per interpretare in maniera univoca il messaggio in chiaro. Mentre è quasi impossibile avere codici incondizionatamente sicuri, si può ottenere un codice computazionalmente sicuro (come il one-time-pad ) quando il costo-opportunità di decifrare il messaggio ed il tempo di attesa per ottenere i risultati superano il vantaggio che si ottiene compiendo l’operazione di decodifica.

 

Non c’è una soluzione unica ed universalmente valida per ottenere codici computazionalmente sicuri, ma si possono proporre alcuni suggerimenti operativi:

– creare sistemi resilienti , capaci del cosiddetto self-recovery, che possa “riparare” le falle create da un attacco;

– creare sistemi che operino uno split delle informazioni, in modo che il complesso dei dati non sia localizzato in un unico luogo, fisico o virtuale;

– addestrare gli operatori, tenendo separate comunicazioni le ludico-private da quelle lavorative ed in modo che costoro possano resistere alle tecniche rubber hose.

 

È necessario ricordare che, al centro di ogni azione, anche la più tecnologica e complessa, è il fattore umano l’elemento centrale e la prima vulnerabilità a cui guardare.

 

LE CAUSE GEOPOLITICHE E SOCIALI DELL’IMMIGRAZIONE CLANDESTINA DA AFGHANISTAN E PAKISTAN [1]

di Cristiana Era

 

Quando si parla di immigrazione emergono due caratteristiche principali. In primo luogo i grandi flussi migratori sono un fenomeno complesso che andrebbe analizzato attraverso lo studio delle sue varie componenti poiché molteplici sono le cause profonde che li generano e che possono essere di natura economica, sociale, politica e perfino ambientale (pensiamo ai disastri naturali che hanno in passato forzato migliaia di persone a lasciare le proprie regioni di appartenenza – siccità, alluvioni, pestilenze, grandi cambiamenti climatici in genere, ecc). Il secondo aspetto da tenere a mente – strettamente correlato al primo – è l’estrema mutabilità del fenomeno stesso: nel tempo le ondate migratorie sono cambiate nei numeri, nelle aree di origine ma anche di destinazione, nelle cause, nella composizione socio-culturale e nell’età dei migranti. Occorre, infine, distinguere tra immigrazione legale ed illegale. In questa analisi viene presa in considerazione l’immigrazione illegale.

 

Non vi è dubbio che tra i motivi principali che governano i flussi di irregolari vi siano ragioni economiche, di instabilità politica o per conflittualità in atto. Ma oltre a questo occorre considerare anche gli aspetti sociali e comunitari dello Stato di origine e i parametri (economici, politici, ecc.) degli Stati di destinazione, in particolare quando trattiamo di Paesi che hanno una struttura sociale e culturale significativamente diversa da quella occidentale, come nel caso di Afghanistan e Pakistan (gerarchica, su base familiare, discriminatoria nella distinzione uomo-donna e fortemente radicata in tradizioni e leggi tribali). In altre parole, al di là di un conflitto devastante come quello a cui assistiamo oggi in Siria, rimane difficile attribuire ad una singola causa un incremento improvviso del flusso migratorio verso altri Paesi o continenti. Proprio l’Afghanistan ne è un esempio. Secondo i dati dell’Agenzia per i Rifugiati delle Nazioni Unite, a partire dal 2014 gli afghani sono stati il secondo gruppo di profughi più numeroso, dopo i siriani [2]. E questo sia a livello mondiale (con 2,6 milioni di profughi sparsi in 70 Paesi [3]), che a livello Europeo. Nel 2015, sempre secondo l’Agenzia, 1,2 milioni di immigrati hanno raggiunto l’Europa rispetto ai 216 mila dell’anno precedente, molti in cerca di asilo e molti senza permesso di soggiorno. Di questo milione e 200mila sbarcati in Europa lo scorso anno, oltre 300mila sono afghani.

 

Come già accennato, le cause sono molteplici. In primo luogo gli afghani sono un popolo tradizionalmente in movimento: da secoli, in gran parte per la porosità dei suoi confini, gli afghani emigrano in cerca di migliori prospettive di lavoro, per lo più verso i territori confinanti di Iran e Pakistan ma anche, in misura minore, verso l’Europa. Una delle caratteristiche dell’immigrazione afghana è stato il ritorno in patria periodico ma nel tempo questo aspetto è mutato e negli ultimi anni è in crescita il numero di coloro che emigrano con l’obiettivo di stabilirsi definitivamente al di fuori del Paese. Prendendo in considerazione i dati degli ultimi tre decenni, alcuni studi hanno rilevato che il flusso migratorio è aumentato negli anni precedenti al 1992, ovvero il periodo dell’occupazione sovietica, per poi diminuire tra il 1992 e il 1996 dopo la caduta del regime filosovietico di Najibullah, periodo in cui si è verificato anche un incremento dei ritorni in patria. Con l’arrivo del regime talebano l’emigrazione è aumentata nuovamente e fino al 2001. Dal 2001 al 2006 molti afghani sono rientrati nuovamente in patria. E infine, nuovo esodo dal 2007 al 2011.  Come dobbiamo leggere questi dati? Nel periodo che precede il 2001 il livello di insicurezza e conflittualità ha determinato in modo sostanziale il flusso migratorio (senza però escludere del tutto le cause economiche), mentre la stabilizzazione degli anni successivi a livello politico e di sicurezza con la caduta del regime talebano ha favorito il rientro di molti. A partire dal 2007 si assiste all’ondata migratoria dall’Afghanistan più recente, forse la più complessa perché è quella che più di altre unisce il fattore economico (con la diminuzione degli aiuti internazionali dopo la transizione e la chiusura della Missione ISAF) a quello legato alla sicurezza e stabilità (con una recrudescenza del conflitto interno e della progressiva ripresa di parte del territorio delle forze talebane) a cui vanno aggiunte le sistematiche violazioni dei diritti umani per quanto riguarda la popolazione femminile. Ricordiamo che l’Afghanistan è uno dei Paesi più poveri al mondo, con il 40% della popolazione che vive al di sotto della soglia di povertà, secondo i dati della Banca Mondiale e un terzo degli abitanti è disoccupato. Avere una buona istruzione non garantisce il posto di lavoro: le posizioni economicamente più appetibili in seno all’amministrazione o anche nel privato (quando esiste) sono assegnate in base alle relazioni sociali e politiche e all’appartenenza ad uno specifico gruppo etnico [4]. Le elezioni del 2014, nonostante le promesse dell’ex economista della Banca Mondiale, Ashraf Ghani, di creare programmi per rilanciare l’economia afghana, non hanno migliorato la situazione interna. Sulla legittimità del Presidente stesso rimangono forti dubbi date le molteplici denunce di frodi in campagna elettorale. Il governo si è indebolito a fronte di una ripresa della guerriglia talebana che sta riconquistando a poco a poco le aree afghane già liberate dalla coalizione internazionale e si fa sempre più forte la minaccia contro coloro che a vario titolo (traduttori, giornalisti, membri di organizzazioni internazionali e non governative, ecc.) hanno a suo tempo collaborato con le forze straniere.

 

L’Afghanistan è quasi totalmente dipendente dagli aiuti stranieri, basti pensare che tra il 2010 e il 2011, il supporto internazionale rappresentava l’85% del budget nazionale. Il ritiro delle forze internazionali nel 2014 ha perciò avuto un impatto economico devastante: il prodotto interno lordo è sceso dall’11,5% nel periodo 2007-2012 all’1,5% negli anni 2013-2015 [5]. A questo si aggiungono i fallimenti della politica di sviluppo a partire dal 2001 che hanno impedito all’Afghanistan di dotarsi delle infrastrutture necessarie a far ripartire l’economia, dalle dighe ai parchi industriali, allo sfruttamento delle risorse interne che pure esistono. La mancata realizzazione del TAPI (ora TAP), il gasdotto che avrebbe dovuto portare il gas turkmeno a Pakistan e India, ha sicuramente compromesso la possibilità di intraprendere la strada per lo sviluppo energetico, un settore in cui il Paese è quasi totalmente deficitario.

 

Inoltre, gli aiuti internazionali, non sempre accompagnati da un adeguato controllo sul loro impiego da parte dei Paesi donatori (in particolare da parte dell’Unione Europea), hanno reso l’Afghanistan dipendente dai suddetti aiuti in modo cronico, non avendo le istituzioni statali avuto la necessità di sviluppare delle capacità per generare reddito durante il periodo della presenza internazionale. L’afflusso di miliardi di dollari gestiti da istituzioni deboli e in mano a sottili equilibri familiari, etnici e tribali, hanno  in aggiunta contribuito alla già ben radicata corruzione a tutti i livelli governativi ed istituzionali, anche quelli più bassi. Tanto che Amnesty International classifica l’Afghanistan al terzo posto fra gli Stati più corrotti al mondo dopo la Corea del Nord e la Somalia [6]. Andrebbe aggiunto che il flusso di aiuti durante la missione ISAF è stato “militarizzato” con i seguenti risultati: poco o nessun coordinamento con le organizzazioni civili, più integrate con la popolazione e in grado di fornire informazioni sulle reali necessità; gli afghani che ricevevano aiuti rischiavano di diventare un target dei talebani perché accusati di collaborazionismo con il nemico; difficoltà di verificare l’impatto dei progetti di aiuto allo sviluppo; progetti militari e civili non coordinati e magari in sovrapposizione; e infine la mancata elaborazione di una strategia politica di medio e lungo periodo [7].

 

L’età degli afghani che lasciano il Paese è molto bassa, almeno secondo i nostri parametri, variando tra i 15 e i 24 anni, sono per lo più maschi, tre quarti dei quali non hanno un’istruzione. La giovane età dei migranti non deve stupire: la popolazione afghana è infatti molto giovane. Un uomo di quaranta anni nella società afghana è considerato un anziano in quanto le aspettative di vita nel Paese rimangono molto basse e un minore come lo intendiamo secondo i nostri canoni non è un bambino ma viene considerato alla stregua di un uomo adulto. L’87% di questi è immigrato clandestinamente per motivi legati a migliori prospettive di lavoro all’estero, al disagio socio-economico in patria, alla corruzione come fenomeno endemico e alla mancanza di fiducia nelle istituzioni e nel futuro. Generalmente affrontano il viaggio da soli o in compagnia di conoscenti, più raramente – fino ad un paio di anni fa – della famiglia. Va, infatti, precisato che nell’ultimo anno stiamo assistendo ad un incremento dell’esodo di intere famiglie.  Il viaggio degli immigrati è finanziato da prestiti o donazioni dalla famiglia o conoscenti in patria o che si trovano già all’estero, il che suggerisce che alla base del processo migratorio c’è una strategia di lungo periodo volta a procurare un sostentamento ai familiari in Afghanistan oppure un ricongiungimento familiare o ancora essere un punto di riferimento locale e un appoggio per emigrazioni successive di parenti e conoscenti. Immigrare regolarmente in molti Stati Occidentali è difficile e per molti afghani l’unica possibilità è l’immigrazione clandestina attraverso le rotte gestite dai trafficanti di esseri umani [8]. E’ questo anche un fenomeno a cui bisognerebbe dedicare maggiore attenzione. Le rotte illegali dei trafficanti cominciano nel Paese di origine e sono alimentate lì. Ogni Paese di transito ha, a sua volta, la propria rete di trafficanti perfettamente organizzata e coordinata che spesso si appoggia a membri corrotti delle istituzioni locali e ad associazioni o organizzazioni non governative. La crescente necessità per le popolazioni di emigrare ha reso questo traffico estremamente lucrativo, molto più del traffico di stupefacenti. Si tratta di viaggi lunghi, che durano mesi, in alcuni casi anche anni. Le rotte clandestine che dall’Afghanistan portano in Europa attraverso Iran o Pakistan, Turchia e Grecia sono pericolose e molti non arrivano a destinazione. Le tragedie umane che colpiscono queste ondate migratorie, dunque, iniziano ben prima di quelle che colpiscono i barconi nel Mediterraneo.

 

Pakistan

 

L’origine dell’immigrazione pakistana in Europa presenta alcune caratteristiche che la differenziano da quella afghana. Si potrebbe dire che quella pakistana è più “organizzata” per le modalità con cui si è evoluta nel corso del tempo ed è una immigrazione di tipo prevalentemente economico anche se non mancano casi di emigrazione per persecuzioni di tipo politico e religioso. Iniziata negli anni ’60 e diretta principalmente verso il Regno Unito, la Germania e la Norvegia, si trattava di immigrazione regolare di pakistani con una istruzione e appartenenti alla classe media, impiegati nei settori dell’industria e dei servizi e provenienti per lo più dalle regioni del Punjab  e del Kashmir. L’integrazione nei rispettivi Paesi di destinazione ha favorito il flusso e i ricongiungimenti familiari negli anni successivi. I primi flussi clandestini verso l’Europa sono invece cominciati a partire dagli anni ’90: si tratta di individui appartenenti ai ceti più poveri che viaggiano attraverso le rotte dei traffici illegali. Alcuni entrano con un permesso temporaneo (turistico o di studio) per poi prolungare la propria permanenza. Come nel caso di altri Paesi, è difficile dare una stima dei pakistani clandestini in Europa: alcuni dati parlano di circa 2 milioni di individui, cifra che però include anche gli emigrati regolari, molti dei quali vivono nel Regno Unito, mentre si stima che il flusso di irregolari tra il 2010 e il 2014 sia stato di circa 14 mila unità [9].

 

Negli anni ’70 è iniziata la grande migrazione pakistana verso la Grecia. E qui occorre  soffermarsi perché, come è noto, proprio la Grecia è il punto di entrata più importante in Europa insieme all’Italia. E lo è diventato grazie alle politiche greche del passato. Negli anni ’70 il governo di Atene firmò un accordo bilaterale con Islamabad per l’impiego temporaneo di lavoratori specializzati pakistani nel settore della cantieristica navale. All’accordo ne seguirono altri tra l’associazione degli industriali e il Pakistan per l’”importazione” di lavoratori pakistani per il settore tessile. Si trattava dunque di immigrazione assolutamente legale. L’introduzione della libera circolazione all’interno dell’Unione Europea (1992) favorì la prima grande ondata di immigrazione clandestina poiché apriva le porte al resto dell’Europa [10]. Poi dal 1998 fino al 2005 la legislazione greca ha permesso di regolarizzare via via tutti i clandestini entrati nel Paese, incoraggiando di fatto l’arrivo di altri migranti, attratti dalle migliori prospettive economiche che il nostro continente poteva offrire e alla presenza di una folta comunità pakistana già stanziata sul territorio e nel nord Europa. Con l’interruzione dei programmi di regolarizzazione e con la crisi economica che negli ultimi anni ha colpito in modo particolarmente duro la Grecia, la volontà di rimanere una volta arrivati è diminuita facendo diventare il Paese una via di transito verso altre e più economicamente appetibili destinazioni. Come per altri immigrati, anche nel caso dei pakistani la scelta di emigrare e il Paese di destinazione è fortemente influenzata dai “social network”, le connessioni sociali e familiari a livello informale. I pakistani ricevono le informazioni dai loro connazionali che già sono in Europa sulle condizioni di vita locali, sul sistema (ed eventualmente come aggirarlo), inviano soldi in patria (le rimesse costituiscono  tra il 5 e il 6% del PIL pakistano [11]) e avendo già formato una comunità rappresentano un punto di riferimento e di accoglienza per coloro che devono intraprendere il viaggio. La rotta passa, ancora una volta, per l’Iran, la Turchia e la Grecia. Il costo di un viaggio clandestino varia tra i 2000 e gli 8000 euro a seconda della rotta (terrestre o marittima) e delle condizioni offerte (che includono eventualmente anche documenti falsi rilasciati da funzionari locali corrotti). Nella maggior parte dei casi, come per l’Afghanistan, si tratta di immigrati maschi di età che varia tra i 18 e i 30 anni, anche qui per una questione culturale pakistana e anche perché la Grecia non offre l’opzione del ricongiungimento familiare. Appartengono ai ceti poveri delle aree rurali, moltissimi dal Punjab e molti sono analfabeti, elemento che ostacola l’inserimento sociale nella comunità locale ospitante.

 

Minori non accompagnati

 

Quello dei minori non accompagnati è un fenomeno in crescita ed infatti l’UNICEF calcola che su più di 21 milioni di rifugiati circa 10 milioni siano costituiti da minori, ossia quasi la metà del totale [12]. Una ricerca dell’Alto Commissariato per i Rifugiati [13], confermando i risultati di un altro studio svolto dall’UNICEF nel 2010, ha rivelato che le comunità di origine sono consapevoli che i minori (quindi individui sotto i 18 anni) ricevono protezioni speciali in Paesi come Australia ed Europa e che in larga maggioranza approvano e sostengono il viaggio. Si tratta di ragazzi tra i 13 e i 17 anni con una istruzione secondaria o senza istruzione, ma non mancano casi di bambini di 10 anni. Non necessariamente il minore che emigra è il figlio più grande, anzi spesso si tratta del secondo o terzo figlio. Le motivazioni sono legate alla cultura locale: spesso il figlio maggiore è destinato a sostenere la famiglia in patria, soprattutto se il padre è disoccupato e la famiglia è numerosa. Inoltre la giovane età è considerata un punto di forza perché si ritiene che siano fisicamente più forti e più adatti ad affrontare le fatiche del viaggio. Così come è legato alla cultura sia afghana che pakistana il fatto che siano i maschi ad assumersi l’impegno di arrivare in Occidente in cerca di lavoro, istruzione e benessere economico per poter poi mandare soldi alla famiglia. Le donne rimangono confinate alla casa e sotto dominazione dei membri maschi della famiglia. In ogni caso, sembra che il minore sia sempre coinvolto nella decisione di partire, decisione che viene presa nelle riunioni familiari o anche in occasioni informali come cerimonie, matrimoni, ecc. I minori appartengono al ceto povero ma non così povero da non poter chiedere prestiti o donazioni a parenti ed amici. Oppure appartengono a famiglie non benestanti ma che possono vendere della terra o altre proprietà per finanziare il viaggio. Spesso sono i minori stessi che convincono il resto della famiglia a lasciarli andare, ma in ogni caso un membro della famiglia che emigra è visto sempre positivamente da tutta la comunità. Le cause variano dallo stato di povertà alla mancanza di fiducia in un miglioramento delle condizioni del Paese, all’insicurezza, e anche al polo di attrazione rappresentato dalla diaspora. I minori, inoltre, sono spesso attratti dal fatto che i propri amici sono già partiti e dalle storie raccontate da altre famiglie, vicini o conoscenti, che hanno già un loro congiunto all’estero. Vi è poi da tenere presente un altro fattore socio-culturale: per molti il viaggio rappresenta un rito di passaggio dall’infanzia all’età adulta. Infine, alcuni minori emigrano per fuggire al pericolo di essere catturati dai potenti locali e abusati sessualmente. Purtroppo è questa una delle piaghe peggiori che ancora affliggono l’Afghanistan.

 

Conclusioni

 

L’ondata migratoria da Afghanistan e Pakistan degli ultimi anni e dello scorso anno in particolare è stata dettata dal deterioramento della sicurezza interna e delle condizioni economiche nel primo caso e nell’instabilità politica e nella recessione economica nel secondo caso. Va precisato che alcuni emigranti non provengono direttamente dal loro Paese di origine ma da altri Paesi di destinazione (quasi tutti in Medio oriente) in cui le condizioni di vita sono peggiorate al punto tale da convincerli a tentare la via dell’Europa [14]. Nel caso dell’Afghanistan ci si potrebbe chiedere se l’intervento internazionale, cominciato bene, non abbia lasciato un Paese in condizioni peggiori di come era. Nel caso del Pakistan, invece, è principalmente la crisi economica e l’instabilità politica interna, accompagnata dal deterioramento delle condizioni di vita in Paesi vicini e tradizionalmente meta dell’immigrazione pakistana a fare in modo che chi vuole emigrare guardi sempre più all’Europa. In entrambi i casi, molto hanno influito i social network e gli emigrati già residenti in Europa: due fattori importanti, insieme ad altri racconti di conoscenti e amici in loco, che hanno veicolato in modo esponenziale le storie di successo di chi è immigrato prima di loro, fornendo altresì suggerimenti e informazioni su come affrontare il viaggio. Occorrerebbe studiare meglio la questione delle reti internazionali del contrabbando di immigrati una vera e propria filiera fatta di collaborazioni fra criminali di nazionalità diversa: difficilmente a livello istituzionale internazionale si vede una simile collaborazione. E proprio su questo puntano il dito vari analisti, secondo i quali non si può combattere efficacemente il fenomeno dell’immigrazione clandestina senza riuscire a combattere e distruggere le reti dei contrabbandieri, ma per far ciò occorre un impegno coordinato in primis  degli Stati attraversati dalle rotte clandestine, ma anche degli Stati di origine e di destinazione, cosa che al momento manca: un argomento ancora poco o nulla trattato.

I possibili scenari futuri non lasciano intravedere miglioramenti per quanto riguarda l’Europa. Mancano strategie e politiche di lungo periodo da qualunque parte si guardi al fenomeno. In primo luogo, i flussi continueranno ad avere proporzioni da esodo di massa perché nei Paesi di origine o di prima accoglienza non vengono eliminate le cause economiche o politiche e/o sociali che li hanno creati. L’Afghanistan ad esempio sta – non troppo lentamente – ritornando allo stato in cui si trovava prima dell’intervento delle forze internazionali. L’instabilità afghana avrà a sua volta ripercussioni sul Pakistan che rimane intrappolato nella crisi economica e in una certa instabilità politica che al nord, nelle Aree tribali sotto amministrazione federale tra cui spicca il Waziristan, si traduce nella presenza di safe havens per gruppi legati ai talebani afghani e all’estremismo islamico pakistano. Accenno solamente al fatto che anche in Medio Oriente e Africa le aree destabilizzate o in via di destabilizzazione (paradossalmente anche a causa della presenza di profughi) si stanno allargando, preludio ad ulteriori spostamenti di massa. Basti solo pensare al Libano, già in equilibrio politico precario da sempre, che ormai ospita campi profughi che rappresentano un quarto della popolazione totale.

In secondo luogo, i Paesi di destinazione, come la UE ha ampiamente dimostrato, affrontano il problema con misure a livello nazionale e non coordinato, volte per lo più a cercare di arginare il fenomeno senza invece guardare più lontano pianificando una strategia di lungo periodo. Del resto, trattandosi di una sfida globale, va da sé che andrebbe affrontata in modo globale e non con misure estemporanee dettate dall’emergenza, come quelli a cui stiamo assistendo.

In terzo luogo, appare inadeguato anche tutto l’impianto giuridico del diritto umanitario internazionale, che da un lato è fermo alla Convenzione del 1951 per quanto riguarda lo status di rifugiato, mentre l’UNHCR e le varie agenzie internazionali per i diritti umani stanno tagliando i fondi ai Paesi che da tempo ospitano sul proprio territorio i campi profughi. Dall’altro lato le politiche volte alla protezione dei rifugiati non affrontato il problema dei rifugiati di lungo periodo che ormai vivono in una sorta di limbo nei Paesi ospitanti senza poter far rientro ma senza – in molti casi – poter acquisire diritti come quello al lavoro, alla residenza permanente, ecc. [15].

Infine, guardando ai Paesi che non sono immediatamente toccati da questa emigrazione mondiale, tipo i Paesi dell’America Latina e diversi Paesi dell’Asia, si nota una mancanza di offerta di burden-sharing, lasciando il peso economico, politico e sociale sulle spalle dei Paesi che da decenni ospitano rifugiati. E come si sa, le risorse non sono infinite. Anche su questo manca una visione globale del fenomeno.

Alla luce di quanto appena illustrato, gli accordi bilaterali con il Pakistan e con l’Afghanistan per il rimpatrio forzato di immigrati clandestini nei loro Paesi di origine appaiono come la goccia nel mare e non sempre di facile attuazione, mentre le campagne di informazione tramite cartelloni pubblicitari o via internet come quelle dell’Ambasciata tedesca in Afghanistan che illustrano i pericoli del viaggio e l’infondatezza delle notizie sulla possibilità di ottenere immediatamente lavoro, status di rifugiato o sussidi sono del tutto inutili perché ignorano le cause reali che spingono gli afghani ad emigrare, ritenendo il fenomeno dovuto ad una mancanza di corretta informazione, ossia sul concetto elementare ed inesatto della inconsapevolezza degli enormi pericoli che il viaggio comporta. Andrebbe aggiunto che il livello di alfabetizzazione della popolazione che emigra è molto basso, quasi nullo. Se poi si considera la diffidenza di qualunque comunicazione arrivi dalle istituzioni, che siano locali o straniere, si può comprendere perché tali campagne siano destinate da subito al fallimento. Va tenuto presente dunque che i rischi (di annegare, di entrare nella rete della droga, di essere uccisi o rapiti, incarcerati ecc) possono essere un deterrente per alcuni, ma non per la maggior parte degli immigrati, per i quali le prospettive e le opportunità di una vita migliore altrove compensano le difficoltà del viaggio.

Uno sguardo alla situazione internazionale indica che i conflitti nelle aree di crisi durano sempre più a lungo, spingendo le masse ad emigrare non più solo nei Paesi confinanti ma anche nei continenti più lontani grazie alle tecnologie e alle nuove rotte e all’apertura – ufficiale o meno – di molti confini. Anche questo è globalizzazione. Di fatto il prolungamento delle crisi da una parte spinge più gente ad emigrare, dall’altro ne impedisce il rientro; il rischio dunque è che questa situazione di emergenza che oggi vivono l’Italia e l’Europa, sia in realtà la nuova normalità.

—–

NOTE

[1] Articolo tratto dall’intervento dell’autore al convegno “Immigrazione, Terrorismo e Sicurezza Urbana”, organizzato da CEDUS (Centro Documentale Sicurezza Urbana e Polizia Locale), Lignano Sabbiadoro, 2 dicembre 2016

[2] Cfr.: UN High Commissioner for Refugees (UNHCR), UNHCR Global Trends 2014: World at War, 20 June 2015

[3] Cfr.: UN High Commissioner for Refugees (UNHCR), Regional Overview: Solutions Strategy for Afghan Refugees, update 2015-2016

[4] Cfr.: http://www.dw.com/en/afghanistans-elite-fleeing-to-europe/a-18406681

[5] Cfr.: Vision Europe Summit 2016,  Understanding the Drivers of Migration to Europe:  Lessons from Afghanistan for the Current Refugee Crisis

[6] Cfr.: Ibid

[7] Cfr: Keating, M. & Stapleton, B. J. “Military and Civilian Assistance to Afghanistan 2001 – 14: An Incoherent Approach”, Chatham House Briefing Paper, Luglio 2015  

[8] Cfr.: Ibid.

[9] Cfr.: http://thediplomat.com/2015/12/pakistans-conflict-zone-migrants/

[10] Cfr.: Kleopatra Yousef, “The vicious circle of irregular migration from Pakistan to Greece and back to Pakistan. Background Report: Migratory System 3 (Pakistan)”, Hellenic Foundation for European and Foreign Policy (ELIAMEP), 2013

[11] Cfr.: Budapest Process. A Silk Routes Partnership for Migration, “Pakistan Migration Country Report 2014”, International Centre for Migration Policy Development

[12] Cfr.: UNICEF, Uprooted Growing Crisis for Refugee and Migrant Children, September 2016

[13] Cfr.: Chona R. Echavez, Jennefer Lyn L. Bagaporo, Leah Wilfreda RE Pilongo e Shukria Azadmanesh, Why Do Children Undertake the Unaccompanied Journey? Motivations for departure to Europe and other industrialized countries from the perspective of children, families and residents of sending communities in Afghanistan, Afghanistan Research and Evaluation Unit and United Nations High Commissioner for Refugees, Issue Paper, December 2014

[14] Cfr.: http://www.migrationpolicy.org/article/europe-migration-crisis-context-why-now-and-what-next

[15] Ibid.